Archivi del mese: marzo 2010

I numeri della sconfitta

In queste elezioni regionali non ha vinto Berlusconi, ha perso il centrosinistra. I numeri sono impietosi, anche perchè il raffronto più sensato è quello con le regionali di cinque anni fa, un’altra era geologica: quella che sarebbe diventata di lì a poco l’Unione non solo vinceva in 11 regioni ma prendeva 2milioni di voti in più del centrodestra. L’affluenza complessiva aumentava e, nel Lazio, aumentava di molto portando alla vittoria Piero Marrazzo.

Ma vediamo i numeri.

Continua a leggere

21 commenti

Archiviato in elezioni, Roma, sinistra, Uncategorized

Votate, votate, votate

Mancano poco più di 24 ore all’apertura delle urne per le elezioni regionali. Sarà un appuntamento importante per vari motivi e sarà importante che tutti votino. Come abbiamo cercato di dimostrare, in passato l’astensionismo è stato cruciale: il ritorno alle urne di molti elettori di sinistra portò alla vittoria nelle regionali del 2005 mentre il fenomeno opposto aiutò Alemanno nel 2008. Si vota non solo in cabina ma anche coi piedi: chi sta a casa favorisce il più forte e la brutta politica. Continua a leggere

1 commento

Archiviato in democrazia e diritti, destra, elezioni, sinistra

Una sola di queste notizie è vera

Scova l’unica notizia vera tra tutte quelle qui sotto

50.000 aderiscono all’appello di Saviano per far controllare dall’Onu le elezioni italiane, chiesto anche l’intervento della Fao per i rappresentanti di lista della Pdl che dopo il pastrocchio Milioni  non avranno neanche un panino

Sindaco leghista nega mensa scolastica ai bambini stranieri i cui genitori non hanno pagato il servizio. I bambini con gli occhi fissi sul piatto vuoto sono stati riuniti in un angolo della scuola dove campeggia appeso un grande crocefisso

Presidi costretti a chiedere aiuti a famiglie, nelle segreterie delle scuole sta arrivando di tutto: capponi, forme di formaggio, canestri pieni di frutta secca e matite. Si torna, come dice il ministro, Gelmini “ad una scuola sul campo” Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Cosa è successo 5 anni fa

Domenica si vota per le elezioni regionali. Cinque anni fa lo stesso appuntamento segnò l’apice del centrosinistra: 11 regioni conquistate contro solo 2 per il centrodestra. L’Unione (ricordate?) si sentì la vittoria in tasca anche per le politiche, scrisse un programma elettorale lungo e poco incisivo. Berlusconi approvò in fretta e furia l’attuale legge elettorale. Le elezioni del 2006 finirono con un pareggio. Contestualmente le forze che avevano presentato le liste “Uniti nell’Ulivo” quasi in tutte le regioni pensarono fosse andata tutto sommato bene e si incamminarono sulla strada che poi ha portato al PD. Ma cosa è successo veramente in quelle elezioni e com’è cambiato il panorama politico del Lazio negli ultimi 15 anni?

Continua a leggere

1 commento

Archiviato in elezioni, Roma, sinistra, Uncategorized

Le riforme che cambiano la vita

Ieri la Camera dei Rappresentanti americana ha approvato la riforma della sanità voluta dal presidente Obama. Non è esattamente il progetto che aveva in mente l’inquilino della Casa Bianca nè creerà un sistema sanitario nazionale simile al nostro. Eppure è una notizia molto positiva anche per noi italiani: perchè, più della stessa vittoria elettorale di Obama, chiude il trentennio conservatore e perché ci insegna come si possono fare le riforme sociali estendendo un diritto a tutti (o quasi) riducendo la spesa pubblica.

Continua a leggere

4 commenti

Archiviato in democrazia e diritti, economia, mondo, sinistra

Alemanno e la disintegrazione di Roma

Alcuni eventi di questo ultimo periodo, a partire dallo sciopero del 1 marzo, hanno riportato al centro del dibattito il tema dell’immigrazione. E’ una buona occasione per riflettere sul livello di integrazione in una città come Roma, che ospita ormai trecentomila residenti non nati in Italia (circa il 13% dell’intera popolazione del comune), dei quali 60.000 iscritti a scuola. Continua a leggere

1 commento

Archiviato in democrazia e diritti, destra, Roma

Undicesimo comandamento: non restare all’estero quando si vota

Paolo Hutter

No, per le regionali non si può votare dall’estero. Non fare finta di venirlo a sapere all’ultimo, al consolato, quando ormai anche volendo non puoi più organizzarti per tornare a votare. Non si può votare dall’estero e in questo caso forse è anche giusto. Sono elezioni regionali. Ma il loro significato è politico, come al solito, più del solito. Ecco perchè sono preoccupato quando sento che persone amiche, giovani colti e magari accaniti anti-berlusconiani, non si sono organizzati per tornare a votare. E addirittura c’è chi se ne va, da una regione incerta come il Piemonte, per un’anticipata vacanza pasquale… Continua a leggere

28 commenti

Archiviato in democrazia e diritti, elezioni, Europa